Welfare, CCNL Industria Metalmeccanica e Installazione Impianti: la conferma tanto attesa è arrivata

24-05-2021
Welfare, CCNL Industria Metalmeccanica e Installazione Impianti: la conferma tanto attesa è arrivata

E’ arrivata la notizia tanto attesa: verrà formalmente sottoscritto l’accordo del CCNL Federmeccanica Assistal 2021/2024. I punti delineati nel testo del 5 febbraio trovano dunque applicazione per il prossimo triennio. Tra le novità più salienti ricordiamo:

  • l’adeguamento dell’inquadramento professionale,
  • il diritto soggettivo alla formazione continua,
  • l’incremento dei minimi contrattuali
  • la conferma di erogazione di €200 all’anno in flexible benefit.
L’erogazione dei 200 € in flexible benefit:

Come previsto dall’accordo precedente, entrato nel 2020 in regime di ultrattività, l’importo verrà messo a disposizione dei lavoratori con decorrenza giugno – 31 maggio dell’anno successivo e sono confermati i parametri per determinare i lavoratori che ne hanno diritto (art.17):

“[…] tutti i lavoratori, superato il periodo di prova, in forza al 1° giugno di ciascun anno o successivamente assunti entro il 31 dicembre di ciascun anno:

– con contratto a tempo indeterminato

– con contratto a tempo determinato che abbiano maturato almeno tre mesi, anche non consecutivi, di anzianità di servizio nel corso di ciascun anno (1° gennaio – 31 dicembre).

Sono esclusi i lavoratori in aspettativa non retribuita né indennizzata nel periodo 1° giugno – 31 dicembre di ciascun anno.

I suddetti valori non sono riproporzionabili per lavoratori part-time e sono comprensivi esclusivamente di eventuali costi fiscali o contributivi a carico dell’azienda.”

Sul sito di Assolombarda è possibile scaricare ulteriore materiale di supporto e approfondimento:

Testi Integrativi – Slides di illustrazione 

CCNL 5 febbraio 2021 per l’industria metalmeccanica e della installazione di impianti – Nota illustrativa

Anche per il 2021 viene inserito il raddoppio della soglia dei fringe benefits per il 2021:

 Anche per il periodo d’imposta 2021 l’importo dei fringe benefit aziendali sale da 258,23 a 516,46 euro. La suddetta novità prevista dal Decreto Sostegni ha quindi un grande impatto sulla spendibilità di tutti i piani di welfare aziendale in essere o da lanciare in corso d’anno.

Come ti possiamo supportare?

Il team di Assolombarda Servizi, con un’esperienza pluriennale in materia di welfare, potrà supportata la tua azienda nell’individuazione della strategia migliore di assegnazione dei €200 di flexible benefit previsti dal CCNL, integrandoli in un piano di welfare già avviato o ancora in fase di sviluppo.

Le nostre soluzioni tailor made e in full outsourcing partono da un’analisi socio-demografica e retributiva e, attraverso il dialogo integrato e multidisciplinare con i settori fiscale, sindacale e di lavoro e previdenza di Assolombarda, conduciamo l’azienda alla fase operativa del piano, attraverso attività di comunicazione e formazione che renderanno il piano ancor più efficace.

Per avere maggiori informazioni o per organizzare un appuntamento di approfondimento one-to-one e conoscere le nostre soluzioni.

Contatta il service manager
di riferimento

Fulvio Gaudioso
Service Manager Welfare

Richiesta di consenso
Letta e compresa l’informativa privacy ai sensi dell’art. 13 GDPR, per il trattamento dei miei dati personali da parte di Assolombarda Servizi S.p.A. per attività di marketing, quali l’invio di comunicazioni commerciali, la vendita diretta, le ricerche di mercato e le indagini per la rilevazione della soddisfazione, attraverso e-mail, chiamate telefoniche tramite operatore, sms e posta tradizionale [par. 2, lettera b) dell’informativa]


Deborah Radrizzani
Service Manager Welfare

Richiesta di consenso
Letta e compresa l’informativa privacy ai sensi dell’art. 13 GDPR, per il trattamento dei miei dati personali da parte di Assolombarda Servizi S.p.A. per attività di marketing, quali l’invio di comunicazioni commerciali, la vendita diretta, le ricerche di mercato e le indagini per la rilevazione della soddisfazione, attraverso e-mail, chiamate telefoniche tramite operatore, sms e posta tradizionale [par. 2, lettera b) dell’informativa]