Corso per responsabili e addetti al servizio di prevenzione e protezione - Modulo A 28 ore

Corso per responsabili e addetti al servizio di prevenzione e protezione - Modulo A  28 ore
Quadro generale e normativo, funzioni, ruoli e responsabilità, gestione appalti, valutazione dei rischi, luoghi, macchine, attrezzature, dispositivi, igiene del lavoro; informazione, formazione e prevenzione; tutela della salute; organi di vigilanza e controllo.N.B. Ai sensi dell'art 32, comma 2, D. Lgs. n. 81/2008, per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP, è necessario essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria. Il modulo A è propedeutico e deve precedere sia il Modulo B e il Modulo C.

1° GIORNO:

Il sistema legislativo: esame delle normative di riferimento

  •   Il quadro normativo preesistente e la sua evoluzione
  •   Il sistema di prevenzione e sicurezza contenuto nel D.Lgs.n. 81/08

Il contenuto del D.Lgs.n 81/2008, modificato e integrato dal D.Lgs.n. 106/2009 Disposizioni generali

  •  Principali definizioni: datore di lavoro, dirigente, preposto, lavoratore

Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro

  • Misure di tutela e obblighi

Il servizio di prevenzione e protezione. Consultazione e partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori

  • Concetti di pericolo, rischio, danno, prevenzione
  • Le fonti documentali: registro infortuni, strumenti e materiale informativo disponibile
  • La valutazione dei rischi: criteri, metodi e strumenti (linee guida CEE – modelli basati su check list – metodo Federlombarda – la Norma UNI EN 1050/98)

Elaborazione di una procedura per realizzare il documento di valutazione dei rischi

  • Contenuti e specificità
  • Ampia individuazione dei partecipanti al processo valutativo e formazione degli stessi a tale compito
  • Metodologia della valutazione e criteri utilizzati
  • Individuazione e quantificazione dei rischi, misure di prevenzione adottate o da adottare
  • Priorità e tempistica degli interventi di miglioramento
  • Programmazione delle misure ritenute opportune a migliorare i livelli di sicurezza nel tempo
  • Definizione di un sistema per il controllo della efficienza e della efficacia nel tempo delle misure attuate

2° GIORNO

I soggetti del Sistema di Prevenzione aziendale secondo il D.Lgs.n. 81/2008

  • I compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali
  • Il concetto di delega e le funzioni non delegabili
  • Gli addetti alla prevenzione incendi, evacuazione dei lavoratori e pronto soccorso
  • Appalti, lavoro autonomo e sicurezza – art. 26, D. Lgs. n 81/08 – (i progettisti, i fabbricanti, i fornitori e gli installatori, i lavoratori autonomi, i Responsabili dei lavori, i Coordinatori per la progettazione della sicurezza, i Coordinatori per l’esecuzione dei lavori ai sensi del Titolo IV D. Lgs. n 81/2008)

Le ricadute applicative e organizzative della valutazione dei rischi

  • Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) criteri di scelta e di utilizzo
  • La informazione, la formazione e l’addestramento dei lavoratori (nuovi assunti, RSPP, RLS, addetti alle emergenze, ripetizione periodica)
  • Strumenti di controllo e verifica dell’efficacia e efficienza nel tempo dei provvedimenti di sicurezza tecnici organizzativi e procedurali e dello stato di miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza dell’attività lavorativa in esame. (D.Lgs.n. 81/2008)

I documenti per la sicurezza e l’igiene del lavoro

  • La gestione documentale (D.Lgs.n. 81/2008, luoghi di lavoro, impianti, macchine, attrezzature ecc.)

3° GIORNO

La valutazione di alcuni rischi specifici in relazione alla relativa normativa di sicurezza

  • Rischio da ambienti di lavoro
  • Rischio elettrico
  • Rischio meccanico, macchine, attrezzature
  • Rischio movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto)
  • Rischio cadute dall’alto
  • Le verifiche periodiche obbligatorie di apparecchi e impianti
  • Rischio incendio
  • Gestione dell’emergenza in caso di incendio
  • Rischio da esplosioni

La valutazione di alcuni rischi specifici in relazione alla relativa normativa di igiene del lavoro (I)

  • Principali malattie professionali
  • – La tutela della salute nel lavoro di ufficio (rischio videoterminali)
  • Rischio da agenti chimici
  • Rischio da agenti cancerogeni e mutageni
  • Rischio da agenti biologici
  • Rischio da movimentazione manuale dei carichi
  • Il protocollo di sorveglianza
  • Gli infortuni, le malattie professionali, le statistiche e il registro degli infortuni
  • Rischi psicosociali ed ergonomici
  • Tenuta dei registri di esposizione dei lavoratori alle diverse tipologie di rischio che li richiedono-

Le ricadute applicative e organizzative della valutazione del rischio

  • Il piano e la gestione del primo soccorso (necessità e finalità del primo soccorso)
  • La sorveglianza sanitaria (definizione della necessità della sorveglianza sanitaria, specifiche tutele per le lavoratrici gestanti, minori, invalidi, visite mediche e               giudizi di idoneità, ricorsi) 

La valutazione di alcuni rischi specifici in relazione alla relativa normativa di igiene del lavoro (II)

  • Esposizione professionale ad agenti chimici e fisici nell’ambiente di lavoro (rischio rumore)
  • D.Lgs.n.81/2008 – la valutazione del rischio da agenti chimici
  • Rischio da vibrazioni
  • Rischio da radiazioni ionizzanti e non ionizzanti e radiazioni ottiche artificiali
  • Il microclima
  • L’illuminazione

4° GIORNO

Il Sistema Pubblico della prevenzione: il ruolo delle ASL

  • Il sistema sanzionatorio (il sistema delle prescrizioni e delle sanzioni) 
  • Vigilanza e controllo
  • Il nuovo ruolo dell’organo di controllo: l’informazione, la consulenza e l’assistenza prevista dall’art. 10 del D.Lgs.n. 81/2008
  • Ruolo e compiti degli altri organi di vigilanza

I documenti per la sicurezza e l’igiene del lavoro

  • La gestione documentale (D.Lgs.n. 81/2008, luoghi di lavoro, impianti, macchine, attrezzature ecc.) 

Esercitazione d’aula per la verifica finale dell’apprendimento dei contenuti del corso

Professionisti ed esperti: formatori qualificati per le aree di competenza ai sensi dell’accordo.

Responsabili e addetti alla prevenzione, protezione e sicurezza in azienda; operatori della sicurezza.

Al termine del corso verrà rilasciato ai partecipanti un attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento, se sarà stata garantita una presenza pari al 90% del monte ore, in conformità a quanto richiesto dalla normativa vigente (D. Lgs.n. 81/2008 e s.m.i.)

Annarita Scippa
Service Manager Formazione Salute e Sicurezza
EDIZIONI DISPONIBILI:
INIZIO: Mercoledì 16 *  
16.17.23.24 febbraio 2022
Quota NON associato: € 1,182.00 + IVA
Quota associato: € 947.00 + IVA
Sconto del 10% dal secondo partecipante

Assolombarda Sede Milano
Via Pantano 9 - 20122 Milano

Scheduling delle lezioni:
16-02-2022   9:00 - 18:00
17-02-2022   9:00 - 18:00
23-02-2022   9:00 - 18:00
24-02-2022   08:45 - 12:45

INIZIO: Mercoledì 06 *  
6.7.13.14 aprile 2022
Quota NON associato: € 1,182.00 + IVA
Quota associato: € 947.00 + IVA
Sconto del 10% dal secondo partecipante

Assolombarda Sede Milano
Via Pantano 9 - 20122 Milano

Scheduling delle lezioni:
06-04-2022   9:00 - 18:00
07-04-2022   9:00 - 18:00
13-04-2022   9:00 - 18:00
14-04-2022   08:45 - 12:45

INIZIO: Mercoledì 18 *  
18.19.25.26 maggio 2022
Quota NON associato: € 1,182.00 + IVA
Quota associato: € 947.00 + IVA
Sconto del 10% dal secondo partecipante

Assolombarda Sede Milano
Via Pantano 9 - 20122 Milano

Scheduling delle lezioni:
18-05-2022   9:00 - 18:00
19-05-2022   9:00 - 18:00
25-05-2022   9:00 - 18:00
26-05-2022   08:45 - 12:45

Realizza questo corso nella tua azienda

Oppure contatta il service manager

Contatta il service manager
di riferimento

Annarita Scippa
Service Manager Formazione Salute e Sicurezza

Richiesta di consenso
Letta e compresa l’informativa privacy ai sensi dell’art. 13 GDPR, per il trattamento dei miei dati personali da parte di Assolombarda Servizi S.p.A. per attività di marketing, quali l’invio di comunicazioni commerciali, la vendita diretta, le ricerche di mercato e le indagini per la rilevazione della soddisfazione, attraverso e-mail, chiamate telefoniche tramite operatore, sms e posta tradizionale [par. 2, lettera b) dell’informativa]