Welfare negli accordi sindacali: un’opportunità per azienda e dipendenti

27-09-2021
Welfare negli accordi sindacali: un’opportunità per azienda e dipendenti

Ci eravamo lasciati prima dell’estate con tanti temi rimasti aperti e che finalmente ritornano sul tavolo di discussione. Tra questi gli accordi sindacali, tema caldo della stagione.

Il welfare al centro delle contrattazioni di secondo livello: 

Secondo l’Osservatorio Welfare di Assolombarda dell’anno 2020, il welfare aziendale (nelle sue varie forme di conversione dei premi di produzione, welfare on top, ecc.) ha ormai raggiunto le prime posizioni tra le materie maggiormente regolate dalla contrattazione di secondo livello. Infatti, è presente nel 53,5%, degli accordi vigenti tra le aziende associate ad Assolombarda che hanno partecipato all’indagine, secondo solo ai premi di risultato collettivi ed agli orari di lavoro.

Il welfare aziendale può declinarsi in molteplici progetti per la soddisfazione ed il benessere di azienda e dipendenti, migliora immagine dell’azienda utile all’attraction e retention dei talenti e garantisce un vantaggio fiscale sia per il datore di lavoro sia per i dipendenti.

La conversione del Premio di Risultato:

Il modo più semplice per introdurre welfare in azienda utilizzando risorse già normalmente stanziate è di prevedere, all’interno dell’accordo, la possibilità per il dipendente di convertire in parte o in tutto il proprio Premio di Risultato (PDR) in welfare: ciò comporta un vantaggio fiscale sia per il dipendente, che vede allocato a welfare un credito esente del 20% circa di tasse e contributi, sia per l’azienda che risparmia il 32,5% di contributi medi INPS sulla parte convertita. In poche parole, il lordo convertito equivale al netto stanziato dall’azienda e percepito dal dipendente.

Come portare il Welfare Aziendale nella mia impresa?

I Welfare Service Manager di Assolombarda Servizi sono a disposizione della tua azienda per introdurla e supportarla nella gestione di un piano welfare aziendale, partendo dalle analisi preliminari sui bisogni e sulle risorse, studiando un piano di comunicazione efficace per sensibilizzare tutta la popolazione dei vantaggi e delle opportunità di questo strumento, monitorando l’andamento del piano per tutta la sua durata e aggiornando i referenti aziendali delle novità della materia. Tutto questo con il costante dialogo multidisciplinare con i colleghi dell’Associazione.

Contatta il service manager
di riferimento

Deborah Radrizzani
Service Manager Welfare

Richiesta di consenso
Letta e compresa l’informativa privacy ai sensi dell’art. 13 GDPR, per il trattamento dei miei dati personali da parte di Assolombarda Servizi S.p.A. per attività di marketing, quali l’invio di comunicazioni commerciali, la vendita diretta, le ricerche di mercato e le indagini per la rilevazione della soddisfazione, attraverso e-mail, chiamate telefoniche tramite operatore, sms e posta tradizionale [par. 2, lettera b) dell’informativa]